Giovedì 8 novembre a Milano, Palazzo Mezzanotte, nella splendida cornice di Borsa Italiana, con il patrocinio della Commissione Europea, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione del premio Le Fonti Awards per gli Studi Legali segnalatisi come eccellenze nel corso del 2018.
Dopo la keynote speech del noto giornalista e scrittore Alan Friedman, ad aprire la cerimonia di premiazione, è stato il CEO Summit dal titolo “Innovazione & Leadership: come competere in un mondo che cambia”, moderato dalla giornalista Debora Rosciani.
Nel corso della serata, lo Studio Raengo – Avvocati d’Impresa è stato premiato per la categoria diritto commerciale, come Boutique di Eccellenza dell’Anno Contrattualistica Commerciale, con la seguente motivazione:
“Per il servizio su misura per il cliente, valorizzato da un approccio attento ai bisogni e ai cambiamenti nel mondo delle piccole e medie imprese friulane e venete e per l’impegno verso una mentalità digitale 4.0 applicata ai servizi legali”.

Il nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali: cosa cambia per le imprese?

A far data dal 25 maggio 2018 il “Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati” (di seguito anche “GDPR”) diverrà obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri dell’Unione Europea.

Il testo del GDPR (General Data Protection Regulation) – destinato ad abrogare integralmente la Direttiva 95/46/CE e di conseguenza anche le diverse leggi nazionali di recepimento, tra cui il nostro d.lgs. 196/2003 (Codice Privacy) – introduce un sistema di maggior rigore che si manifesta nella previsione di nuovi doveri, processi, attività, misure tecniche e organizzative, sanzioni e responsabilità in capo al titolare (e responsabile).

Il nuovo quadro normativo, che impatta e modifica fortemente l’attuale modello di gestione e protezione dei dati incentrata sui diritti dell’interessato, promuove infatti la responsabilizzazione (accountability) dei titolari del trattamento e l’adozione da parte di quest’ultimi di approcci e politiche che tengano costantemente conto del rischio che un determinato trattamento di dati implica per i diritti degli interessati.

In buona sostanza, quali sono, inter alia, le principali novità introdotte dal Regolamento?

  1. la privacy by design: garanzia della protezione dei dati fin dalla fase di ideazione e progettazione di un trattamento o di un sistema e adozione di comportamenti che consentano di prevenire possibili problematiche;

  1. la privacy by default: le impostazioni predefinite di trattamento dovranno garantire il più possibile il rispetto della privacy, ad esempio prevedendo la non accessibilità ad un numero illimitato di utenti, adottando specifiche misure, quali la minimizzazione e la pseudonimizzazione, che assicurino la protezione dei dati personali;

  2. data breach: nel caso in cui la violazione dei dati rappresenti una minaccia per i diritti e le libertà delle persone, il titolare dovrà informare in modo chiaro, semplice e immediato tutti gli interessati e offrire agli stessi indicazioni su come intende limitare le possibili conseguenze negative. Il titolare del trattamento, inoltre, dovrà obbligatoriamente comunicare eventuali violazioni dei dati personali all’Autorità nazionale di protezione dei dati;

  3. il diritto all’oblio: il diritto ad ottenere la cancellazione dei propri dati personali qualora ricorrano alcune condizioni (ad es. se i dati: sono trattati solo sulla base del consenso, non sono più necessari per gli scopi rispetto ai quali sono stati raccolti, sono trattati illecitamente, oppure se l’interessato si oppone legittimamente al loro trattamento);

  4. il diritto alla portabilità dei dati per trasferirli da un titolare del trattamento ad un altro (si potrà ad es. cambiare il provider di posta elettronica senza perdere i contatti e i messaggi salvati);

  1. il divieto per le attività di profilazione: elaborazione dei dati per suddividere l’utenza in gruppi di comportamento;

  1. l’istituzione di registri delle attività di trattamento contenenti una serie di informazioni, tra cui le finalità per le quali il trattamento è stato effettuato, le categorie di dati personali e di soggetti interessati, le misure di sicurezza tecniche ed organizzative adottate;

  2. l’obbligatorietà della figura del Data Protection Officer con riferimento agli enti pubblici e alle aziende che trattino particolari categorie di dati (quali, ad esempio, quelli relativi all’origine razziale o etnica, oltre che i dati genetici o biometrici), o ancora nel caso in cui le attività principali del titolare o del responsabile consistano in trattamenti che richiedono il controllo regolare e sistematico dei dati degli interessati.

Con particolare riferimento alle imprese, è evidente la direzione del Regolamento verso un maggior rigore generale, attraverso la previsione di sanzioni più onerose e la previsione di adempimenti maggiormente articolati.

Le novità introdotte dal GDPR, in particolare, impongono alle aziende una seria valutazione ed una attenta e preventiva pianificazione dell’impatto delle medesime rispetto alla gestione della “privacy” nella propria attività. Il Regolamento, in buona sostanza, vuole estendere la cultura del “rischio” – inteso come elemento chiave delle decisioni aziendali – anche nell’ambito della protezione dei dati personali. Le aziende, infatti, dovranno implementare un vero e proprio processo strutturato di trattamento dei dati e tutela della privacy che preveda nuovi ruoli, responsabili e responsabilità.

In particolare, le aziende e i titolari del trattamento dovranno avere la capacità di definire, attuare ed essere in grado di gestire alcuni specifici processi tra cui, inter alia:

  1. la valutazione dell’impatto e del rischio di ogni specifico trattamento secondo il criterio “privacy by design”;

  2. la definizione ed attuazione delle misure di sicurezza idonee -tecniche e organizzative – in relazione alla valutazione del rischio;

  3. la gestione di un Registro dei Trattamenti;

  4. la previsione di controlli periodici dell’effettiva attuazione ed efficacia delle misure di sicurezza in essere;

  5. la gestione di eventuali incidenti “data breach” secondo un metodo predisposto;

  6. il puntuale riscontro delle eventuali richieste degli interessati, con particolare attenzione ai nuovi diritti quali il “diritto all’oblio” oltre che il “diritto alla portabilità” dei dati.

Come è evidente, le novità introdotte dal Legislatore Europeo in materia di “protezione dati personali” comporteranno per le aziende la necessità di apportare modifiche organizzative significative alla propria struttura e, in alcuni casi, consistenti investimenti di natura tecnologica (“Data Protection Management Tools”) adatti a supportare l’azienda nell’implementazione e nell’attuazione dei modelli organizzativi previsti dal Regolamento 2016/679 (GDPR) entro il termine massimo del prossimo maggio 2018.

Notizie dallo Studio

2018

NOVEMBRE

Studio Raengo – Avvocati d’Impresa è stato premiato per la categoria diritto commerciale, come Boutique di Eccellenza dell’Anno Contrattualistica Commerciale, con la seguente motivazione:
Per il servizio su misura per il cliente, valorizzato da un approccio attento ai bisogni e ai cambiamenti nel mondo delle piccole e medie imprese friulane e venete e per l’impegno verso una mentalità digitale 4.0 applicata ai servizi legali”.

2017

APRILE

Il team composto dall’Avv. Enrico Raengo e dall’Avv. Cristina Bergamo ha assistito dei clienti in una transazione con una banca veneta a definizione di una controversia avviata a seguito della sottoscrizione da parte dei clienti di un consistente pacchetto di obbligazioni convertibili.

2016

GIUGNO

Lo Studio ha assistito una storica azienda friulana, titolare di marchi di particolare rinomanza e tecnologie all’avanguardia, nella negoziazione e stipula di accordi di Joint Venture ed investimento da parte di una società Cinese.

2015

NOVEMBRE

Lo Studio ha assistito un investitore Italiano nell’acquisizione di un gruppo di imprese aventi sede in vari stati europei, già facente capo ad una holding Danese, leader nel campo dell’illuminazione e delle tecnologie per l’intrattenimento.

2015

GENNAIO

Lo Studio ha assistito i soci di maggioranza di un importante gruppo Italiano nella dismissione da parte di Fondi di Private Equity delle loro partecipazioni nella società holding.

2014

GIUGNO

Lo Studio ha assistito la proprietà di società Italiana attiva nel campo del dell’arredamento nelle trattative e nella contrattualistica relativa all’ingresso nel suo capitale di società di diritto Russo.

2014

GENNAIO

Attraverso un team composto dall’Avv. Enrico Raengo, dall’Avv. Anna Ponzetti e dall’Avv. Lucia Casamassima, lo Studio ha assistito un importante gruppo, leader europeo nel campo della produzione di macchine per l’edilizia, nelle trattative e nella redazione dei contratti per la cessione ad una società quotata Cinese della maggioranza di una società controllata Turca e di un ramo d’azienda di società Italiana.

2013

NOVEMBRE

Lo Studio ha assistito un’impresa veneta in un arbitrato internazionale a Zurigo secondo le ICC Rules di Parigi ottenendo un importante risarcimento danni a seguito dell’illegittima risoluzione di un contratto di distribuzione.

2013

OTTOBRE

Lo Studio ha assistito il “ceto bancario” nell’ambito dell’Accordo di ristrutturazione ex art. 67, comma III, lett d) L.F. di un’azienda friulana leader nella produzione di mobili e complementi di arredo.

2013

FEBBRAIO

Lo Studio ha assistito il “ceto bancario” nell’ambito dell’Accordo di ristrutturazione ex art. 67, comma III, lett d) L.F. di un’azienda friulana leader nella produzione di cucine.

2012

DICEMBRE

Lo Studio ha assistito un’azienda veneta, leader europeo nel settore del tessile, nell’acquisizione del 100% del capitale sociale di una società Austriaca e nel contemporaneo ingresso dei soci austriaci nella propria compagine societaria, mediante aumento di capitale.

2010

MAGGIO

Lo Studio ha assistito un’importante azienda lussemburghese nelle trattative e nella contrattualistica diretta alla vendita di una partecipazione rilevante in una società friulana attiva nel settore della telefonia ad un importante Gruppo Cinese.

2010

GENNAIO

Lo Studio ha assistito i soci di un’azienda friulana titolare di un importante compendio immobiliare nella vendita del 100% del capitale sociale ad un Gruppo Finanziario ed Assicurativo USA.

2009

NOVEMBRE

Lo Studio ha assistito un importante Gruppo tedesco leader europeo nel settore degli imballaggi nelle trattative e nella redazione dei contratti per l’acquisizione da una società di diritto inglese di un ramo d’azienda di tale società in Germania, Olanda e Regno Unito.

2009

GIUGNO

Lo Studio ha assistito un’azienda friulana leader nel settore dei serramenti nelle trattative e nella redazione dei contratti per l’acquisizione di un importante compendio immobiliare in Italia.

2009

MARZO

Lo Studio ha assistito una cliente nelle trattative e nella redazione dei contratti per la cessione della sua partecipazione in una società lombarda leader nel settore del lavoro interinale.

2008

DICEMBRE

Lo Studio ha assistito dei clienti nelle trattative e nella redazione dei contratti per la cessione dell’intera loro partecipazione in una società veneta attiva nel settore della produzione di infissi in alluminio per serramenti ad un importante Fondo di Private Equity.

2008

MAGGIO

Lo Studio ha assistito un importante Gruppo, leader europeo nella produzione di macchine e attrezzature per l’edilizia nelle trattative e nella redazione dei contratti per l’ingresso nel capitale sociale di Fondi di Private Equity.

2008

MARZO

Lo Studio ha assistito i soci di maggioranza di un importante Gruppo leader europeo nel settore degli imballaggi nelle trattative e nella redazione dei contratti per la cessione ad un importante Fondo di Private Equity di un ramo d’azienda italiano, previo conferimento in Newco, nonché del 75% del capitale sociale di di una società tedesca del Gruppo e di partecipazioni minori in altre società all’estero.

2008

GENNAIO

Lo Studio ha assistito un cliente nelle trattative e nella redazione dei contratti per la vendita a un importante Fondo di Private Equity del 25% del capitale sociale di una società tedesca leader nel settore degli imballaggi.

2007

NOVEMBRE

Lo Studio ha assistito i soci di maggioranza di un’importante azienda friulana nelle trattative e nella redazione dei contratti per l’acquisto da un socio di minoranza della sua partecipazione nella società.

2007

SETTEMBRE

Lo Studio ha assistito una società veneta leader del settore dell’industria dolciaria nelle trattative e nella redazione dei contratti per la cessione del 100% del capitale sociale ad un’importante società veneta.

2007

MARZO

Lo Studio ha assistito una storica azienda friulana leader nel settore degli adesivi e abrasivi nella negoziazione e stipula con un’importante società finlandese di un accordo di Joint Venture in Cina.

2006

FEBBRAIO

Lo Studio ha assistito un’azienda friulana leader nel settore dei serramenti nelle trattative e nella contrattualistica diretta all’acquisizione dell’intera partecipazione di un socio di una azienda veneta attiva nel settore della costruzione e ristrutturazione di edifici.

2005

DICEMBRE

Lo Studio ha assistito un’azienda friulana nelle trattative e nella contrattualistica diretta all’acquisizione da diverse persone fisiche Croate della loro partecipazione in una società croata attiva nel settore tessile.

2005

APRILE

Lo Studio ha assistito una importante azienda friulana leader nel settore degli imballaggi nella negoziazione e stipula con un importante Gruppo statunitense di un accordo di Joint Venture negli Stati Uniti.

2005

GENNAIO

Lo Studio ha assistito una importante azienda friulana leader nel settore degli imballaggi nelle trattative e nella contrattualistica diretta all’acquisizione dell’intera partecipazione di un socio di una azienda del Wisconsin (USA).

2004

MAGGIO

Lo Studio ha assistito una banca veneta in un’importante operazione di cartolarizzazione dei crediti di una società di italiana attiva nel settore finanziario.

2004

NOVEMBRE

Lo Studio ha assistito una importante azienda veneta leader nella produzione di fili e cavi in metalli smaltati nella negoziazione e stipula con una società belga di un accordo di Joint Venture in Italia.

2004

FEBBRAIO

Lo Studio ha assistito i soci di un’azienda veneta leader nella produzione di sistemi per la sicurezza di apparecchi a gas nelle trattative e nella contrattualistica diretta all’acquisizione del 100% del capitale sociale di un’importante società marchigiana.

2002

DICEMBRE

Lo Studio ha assistito un’azienda friulana, distributore esclusivo europeo di un marchio di particolare rinomanza nel settore dell’abbigliamento, nelle trattative e nella contrattualistica diretta alla vendita del 100% del capitale sociale della società ad una azienda Abruzzese leader del settore.

2002

APRILE

Lo Studio ha assistito i soci di un’azienda veneta leader nel settore dell’elettronica nelle trattative e nella contrattualistica diretta all’acquisizione del 100% del capitale sociale di un’importante società di un Gruppo veneto attivo nella produzione di stampanti professionali e soluzioni di stampa per l’industria.

2002

GENNAIO

Lo Studio ha assistito dei clienti nelle trattative e nella redazione dei contratti per l’acquisizione da una società leader europea nel settore dell’elettronica di un ramo d’azienda di tale società.